Luna di Lenni per "Les Flaneurs" di Claudia Primerano

Pubblicato il da luna di lenni

PIU' LIBRI PIU' LIBERI: 7 - 11 DICEMBRE A ROMA, PALAZZO DEI CONGRESSI.
LA ROUND ROBIN EDITRICE SARA' PRESENTE CON TUTTO IL SUO CATALOGO ALLO STAND A 27. FATECI UN SALTO, "LUNA DI LENNI" E I SUOI AMICI SONO Lì...

 

A ben guardare, è vero: il mondo intero, e Roma in particolare, possono apparire come un unico superorganismo, complesso ed organizzato, pullulante di istanze vitali strettamente connesse le une alle altre e ciascuna con una propria funzione particolare e imprescindibile. Un organismo malato, però, "dolorante e in grado di generare egli stesso sofferenza. Un mostro. Un cancro. Un'enorme escrescenza con noi dentro, sopra e sparsi tutti attorno." E' questa la personalissima ipotesi Gaia di Lenni, ragazzo della periferia romana, l'incubo di Černobyl' visto in tv da bambino ben impresso nella mente, un gruppo di amici irrequieti ed un fratello con una gran voglia di fare la rivoluzione.

Luna di Lenni, opera d'esordio di Emanuele Berardi, edita da round robin, racconta una storia che suonerà familiare a molti, calata nelle strade e nei quartieri romani. L'autore, classe '77, si è laureato in biologia alla Sapienza di Roma e l'università l'ha vissuta a pieno, riuscendo a riportare sulla pagina un affresco di persone, ambienti e situazioni che chi ha calpestato gli stessi marmi non faticherà a riconoscere (come ad esempio l'aula II autogestita di Lettere, sgomberata solo qualche anno fa).

Quella raccontata da Berardi è, in fondo, una giovinezza come tante. Con esami e sentimenti a fare da sfondo ad una coscienza politica in crescita, ad una consapevolezza del mondo costruita giorno per giorno, con la dose di disillusione che questo processo porta inevitabilmente con sè. Una giovinezza forse un po' più turbolenta della media, certo: irruzioni in ritrovi di militanti di estrema destra, risse e scontri con la polizia non sono proprio da tutti. Ma lo stile fluido, onesto, privo di fronzoli di Berardi tratteggia con schiettezza periodi turbolenti che tutti bene o male abbiamo conosciuto e rende il suo protagonista-voce narrante credibile e profondamente umano. Con quel suo sguardo sempre rivolto a cercare la Luna, presenza rassicurante nel cielo di Roma.

Se tutto questo vi incuriosisce, andate a cercare il libro in questi giorni a Più Libri Più liberi allo stand A27.

 

Claudia Primerano - Les Flaneurs -

link

Per essere informato degli ultimi articoli, iscriviti:

Commenta il post